Home / Aneddoti sull'arte / Ilaria vegliata dal cane della Fedeltà. Così Jacopo della Quercia rese eterna una giovane madre morta di parto
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Ilaria vegliata dal cane della Fedeltà. Così Jacopo della Quercia rese eterna una giovane madre morta di parto

Il sonno eterno, la dolcezza del volto composto, l’eleganza del monumento funebre che rinvia a quello dei regnanti francesi, in Saint Denis, conferiscono alla struttura marmorea lucchese una connotazione di dolce santità del quotidiano. Ecco perché questa giovane donna è oggetto di una venerazione che va al di là dei pur alti canoni estetici. E’ il rapporto della giovinezza con la morte. E Ilaria, morta giovane si rivela cara agli dei, rapita da un ordine superiore che permette di cantare la bellezza della figura umana.L’uso delle maschere funebri e la necessità di aderire all’immagine autentica del defunto, nonchè il lieve schiacciamento della punta del naso, non provocato soltanto dall’erosione causata dalle mani del pubblico, ma probabilmente dal peso del gesso sul volto delle morta, avallano l’ipotesi che questo fosse perfettamente il vero volto della giovane donna, ricavato sul letto di morte.Lo straordinario “realismo cortese” della statuaria gotica – in base al quale le figure apparivano identiche agli originali, ma inserite nel mondo elegante delle corti – superò, in termini di mimesi della realtà, la pittura. Ciò fu probabilmente dovuto proprio all’uso di calchi di gesso. che consentivano di catturare perfettamente ogni forma e di trasfonfderla poi nel legno o nel marmo.

Jacopo della Quercia, Monumento funebre a Ilaria del Carretto, 1406-1408, cm 244x88x66, Lucca, Cattedrale di San Martino, Duomo, transetto nord

Jacopo della Quercia, Monumento funebre a Ilaria del Carretto, particolare, 1406-1408, cm 244x88x66, Lucca, Cattedrale di San Martino

Jacopo della Quercia, Monumento funebre a Ilaria del Carretto, 1406-1408, cm 244x88x66, Lucca, Cattedrale di San Martino, Duomo, transetto nord

Jacopo della Quercia, Monumento funebre a Ilaria del Carretto, 1406-1408, cm 244x88x66, Lucca, Cattedrale di San Martino

Se in qualunque mese dell’anno, in qualunque giorno, soleggiato, piovoso, caldo, freddo, in qualunque ora un visitatore decidesse di varcare le soglie del  Cattedrale di San Martino di Lucca e si dirigesse nella sagrestia per portare il suo saluto alla dolce Ilaria del Carretto difficilmente avrà l’opportunità di trovarsi solo con lei e difficilmente potrà dialogare  a “tu per tu”, ad alta voce, il loro potrà essere solo un lungo e intimo dialogo.



Ilaria del Carretto non rimane mai sola. Il fascino discreto della sua delicata e raffinata immagine, trasfusa nell’algido marmo da Jacopo della Quercia, oltre seicento anni fa muove gli animi degli uomini che al cospetto del suo sarcofago marmoreo sembra quasi che a lei si rivolgano in preghiera. Ma Ilaria non è una santa, Ilaria è una semplice donna, una sposa, e una madre, che partorendo la sua secondogenita, che poi porterà il suo nome, muore. Il marito Paolo Guinigi, signore di Lucca, non era per nulla ben voluto in città, tanto che fu cacciato nel 1430. Ma la storia universale non guarda ai particolari, l’osservatore non appare più di tanto interessato ai molti spostamenti che subì la tomba, ai molti cambiamenti della struttura, causati dalla rovina del tempo; chi va –  e soprattutto chi ritorna – da Ilaria del Carretto è perchè rimane incantato dalla sua bellezza a cui lo scalpello ha saputo imprimere palpiti di eterno nel suo giovane viso, incorniciano da un mazzocchio ornato da racemi floreali da cui escono composti i capelli. Ilaria indossa il tipico soprabito francese del periodo gotico, la pellanda, in cui le sinuose pieghe parallele della veste si raccolgono nella stretta cinta posta sotto il seno per riaprirsi e riprendere il proprio corso fino a coprirla interamente, così come il medesimo gioco di pieghe appare riproposto nelle maniche lunghe che si chiudono in stretti polsini .



Ai suoi piedi vi è un cane che con sguardo attento si prende cura della sua padrona, forse per volere del giovane marito che volle dichiarare all’amata moglie, con un ultimo gesto, la sua fedeltà.  Ma nell’effigie marmorea di Ilaria c’è qualcosa che va oltre, in lei c’è qualcosa di incompiuto, un divenire fermato, ma che nonostante questo continua ad essere e continua ad emanare ed esternare vita. La vita può essere spezzata interrotta a ventisei anni ma a volte nell’eternazione artistica può continuare a fluire, sì continuare a fluire in maniera sicuramente più flebile ma per questo non meno struggente e viva.

Jacopo della Quercia, Monumento funebre a Ilaria del Carretto, 1406-1408, cm 244x88x66, Lucca, Cattedrale di San Martino, Duomo, transetto nord

Jacopo della Quercia, Monumento funebre a Ilaria del Carretto, particolare, 1406-1408, cm 244x88x66, Lucca, Cattedrale di San Martino

IL CANE NELL’ARTE. PER APPROFONDIMENTI E UNA VASTA LETTERATURA SUL TEMA, CLICCA IL LINK  www.stilearte.it/tag/il-cane-nellarte/

COME VENDERE ON LINE QUALSIASI OGGETTO
CON LE ASTE DI CATAWIKI. QUI I LINK.
ISCRIVITI GRATUITAMENTE ORA
E SENZA ALCUN IMPEGNO.
VENDI QUANDO VUOI

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Vendi i tuoi oggetti con Catawiki: Clicca qui

Sapevi che alcune delle più grandi aste di arte online in Europa sono ospitate da Catawiki? Dalla prima asta nel 2011, il sito d’aste online Catawiki è cresciuto in maniera straordinaria, con aste settimanali in oltre 80 categorie, incluse 50 aste di arte che spaziano dall’arte classica a quella moderna. Il tratto distintivo di Catawiki è il team di esperti che valuta ogni lotto per qualità e autenticità, al fine di fornire al pubblico aste di altissimo livello. Inoltre, Catawiki agisce da intermediario tra acquirenti e venditori, offrendo transazioni sicure per tutti.

Con Catawiki metti all’asta monete, quadri, oggetti di antiquariato, vintage, con un semplice click: dai un’occhiata qui

a catawiki 2

I venditori sottopongono i loro oggetti all’analisi degli esperti, che poi li approvano e pianificano il loro inserimento in una successiva asta. Da qui inizia il divertimento. Le aste vengono visitate da milioni di potenziali acquirenti da tutto il mondo.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Eva Jospin, una grotta incantata realizzata nel bosco con il calco dei cartoni. Un lavoro straordinario. Il video

piero della francesca