Home / News / Kostabi, l’artista che vive in Toscana e che fa dipingere la sua bottega a New York
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Kostabi, l’artista che vive in Toscana e che fa dipingere la sua bottega a New York


Mark Kostabi, “Ball breaker”

Mark Kostabi, “Ball breaker”

Nella sintesi suprema di un punto di vista al quale giungono messaggi e suggestioni del passato e vivide proiezioni del futuro, Kostabi pone il proprio, elettivo luogo di ricerca. Se infatti ad una strada – una strada maestra percorsa con intensità ai tempi della formazione – l’artista americano ha affidato il proprio transito iniziale essa è quella straordinariamente ampia del Surrealismo e della Metafisica, ripercorse in un dimensione totalmente moderna, privata degli angoli angoscianti di una Psiche che, ai tempi di Breton, Magritte e dei compagni di strada, risultava ancora impenetrabile, nonostante gli studi di Freud. Immediato appare, nella pittura di Kostabi, il confronto con De Chirico, autore amatissimo dal giovane americano, durante gli anni dell’elaborazione della propria cifra stilistica. “L’incontro con le opere di De Chirico – afferma infatti – è stato fondamentale. Dopo essermi trasferito a New York sono stato tra gli spettatori di una retrospettiva dedicata al maestro. La mostra mi è piaciuta molto. Avevo già inventato il mio linguaggio visivo con la figura senza volto che, in qualche modo, si specchiava nei manichini dechirichiani.

“Fluid ideas”

“Fluid ideas”

Certamente la mostra ha aggiunto qualcosa, in me. L’amore per De Chirico era condiviso da molti artisti, a New York, nell’ambito del cosiddetto Neo-Surrealismo”. Ma Kostabi ha proceduto attraverso i codici della contaminazione, come se le celeberrime piazze dell’autore italiano, pur riprodotte con un’aura sospesa ed aperta alla rivelazione, si dischiudessero alla modernità, accogliendo il vento della cultura di massa, composta da fumetti, marziani algidi, riletture pop di celebre icone – la Pop art risulta uno dei punti di riferimento principali nel “romanzo di formazione” di Kostabi -, copertine dei dischi sulle quali si cercava un punto di raccordo tra la tradizione e l’innovazione.

“A space for reason”

“A space for reason”

Esponente di una cultura, come quella americana, contrassegnata profondamente dalla necessità di  una fagocitante consumazione delle diverse “religioni” della pittura, l’artista statunitense è pertanto giunto, attraverso i suoi androidi, ad osservare la realtà con un programmatico disincanto, contrassegnato da una lieve, poetica ironia. Gli androidi di Kostabi – nei quali si può riconoscere l’uomo universale, privato della sua dimensione individuale – giocano nelle sue piazze e nei suoi quadri come turisti stupiti o come vacanzieri che hanno pianificato un week-end sentimentale, in una scioltezza di atteggiamenti che comporta un allontanamento metafisico dalla prigionia dei manichini dechirichiani, personaggi in mano alla volontà del suo autore, privi di libero arbitrio. E’ invece il canto alla libertà a contrassegnare i flessuosi attori dei dipinti di Kostabi: una libertà pur sorvegliata, poiché essa si rivela sempre riconducibile a un comportamento stereotipo, a un rituale di massa per il quale è prevista una concezione coreografica – di aggraziati passi – nella realtà.

“Passing time”

“Passing time”

La scelta post-rinascimentale della “bottega globale”L’artista vive tra l’Italia e New York. Nel suo studio americano lavora una folta équipe di collaboratori, rispetto alla quale Kostabi si pone come un caposcuola dell’arte italiana antica. Egli elabora le idee, che vengono poi passate, in bozzetto, alla “factory” affinché siano trasformate in dipinti. Durante la stesura da parte dell’”officina”, Kostabi chiede di vedere lo sviluppo di ogni opera. “Quando Giotto non era ad Assisi – afferma l’artista – procedevano i suoi collaboratori, il cui lavoro veniva controllato da alcuni inviati del responsabile di bottega”. Dopo il trasferimento in Italia, Kostabi verificava inizialmente il lavoro con l’uso di Polaroid, ora opera con le mail. “Io ho creato uno stile – afferma il pittore, che conta su un’équipe di stampo warholiano – Non ha più senso distinguere un quadro dipinto da me, direttamente, o dalla bottega. Essi si equivalgono”. Per evitare che il sistema di collaborazione molto aperto possa essere sconvolto dall’inserimento di falsari, Kostabi ha elaborato una protezione in codice, che consente la piena identificabilità dei quadri autentici.

“Double vision”

“Double vision”

L’artista di origine estone tra la musica e la pittura. Mark Kostabi nasce a Los Angeles nel 1960 da emigrati estoni; cresce a Whittier in California e studia disegno e tecnica pittorica alla California State University di Fullerton. Si trasferisce a New York nel 1982 e dopo pochi mesi diviene una figura di rilievo nel vivace movimento artistico dell’East Village. Si fa notare a Manhattan pubblicando interviste a se stesso che evidenziano la mercificazione dell’arte contemporanea. Nel 1988 apre il Kostabi World, una vera e propria “factory” che si compone di uno staff di assistenti alla pittura e di soggetti creativi. Rassegne retrospettive sul suo lavoro si sono tenute presso il Museo Mitsukoshi di Tokyo nel 1992 e al Museo d’Arte dell’Estonia a Tallin nel 1994. Suoi quadri si trovano in importanti musei. Nel 1988 dipinge un murale nel Palazzo dei Priori ad Arezzo. E’ anche compositore, ed il suo primo cd, “I Did it Steinway”, musica per solo pianoforte composta e interpretata da lui stesso, è uscito nel 1998. Kostabi ha disegnato le copertine di album rock, “Use Your Illusion” dei Guns’N’Roses, e “Adios Amigos” dei Ramones, e numerosi oggetti tra cui uno Swatch. Significativa è la sua presenza in diversi programmi televisivi statunitensi ed europei. Di lui hanno scritto molte testate giornalistiche, tra cui, per ricordare alcune delle maggiori, “The New York Times”, “People”, “Vogue”. (maurizio bernardelli curuz)

“Marking time”

“Marking time”

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Sai cos’è la Romantikstrasse austriaca? Paesaggio e cultura, estate romantica. Il percorso

Lo stile di Michelangelo Buonarroti. Perché è ritenuto moderno?