Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

La musica degli Etruschi. Ascoltala. Ricerche sonore dopo la ricostruzione degli strumenti trovati in un relitto del Tirreno

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Proseguono le indagini per ricostruire la sonorità del mondo etrusco. A rendere possibile le ricerche, condotte da un sassofonista e da un’archeologa – la ricostruzione degli strumenti a fiato, in legno di bosso e in avorio, realizzati a partire dagli originali recuperati nelle acque della Baia del Campese.

La nave, affondata 2600 anni fa – ora esposta nell’Antiquarium della Fortezza Spagnola di Santo Stefano, all’Argentario – conteneva, oltre ceramiche di Corinto, di Sparta, dall’Etruria, della Grecia orientale, dell’isola di Samo e di centri punici, oltre lingotti di rame e piombo, anche oggetti in legno che si rivelarono parti di flauti miracolosamente conservati.

Il sassofonista Stefano Cocco Cantini e l’etruscologa Simona Rafanelli, direttrice del Museo Civico Archeologico di Vetulonia hanno lavorato una decina di anni – tra strumenti originali e fonti iconografiche – per giungere alla messa a punto dei prototipi. La chiave di volta è stata l’inserimento di un’ancia – una sottile linguetta mobile simile a quella che caratterizza gli arcaici launeddas sardi – all’interno dello strumento a fiato.

blank

La particolarità di questi strumenti, come sottolineato dallo stesso Cantini, è la capacità di poter emettere in contemporanea due suoni: un bordone per accompagnare una serie di arpeggi che vengono modulati. Un unicum a livello musicale.

L’accordatura avveniva, a giudizio di Cantini e Rafanelli, a 432 hertz, la frequenza che metterebbe l’uomo in armonia con l’universo. I due studiosi sono giunti anche ad un altro sorprendente risultato: osservando i celebri dipinti di Tarquinia sono riusciti a ricostruire la tecnica utilizzata per suonare emettendo melodia e accompagnamento al tempo stesso.

E’ chiaro che, invece per i temi melodici ricorrenti all’epoca, si possano formulare ipotesi ricostruttive.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!