Home / Mostre in Italia / L’anima e la perfidia degli oggetti nel Contemporaneo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Brigitte Niedermair, Viera Wattn, 2013

L’anima e la perfidia degli oggetti nel Contemporaneo

L’esposizione collettiva, ispirata al video dell’artista Sam Taylor-Wood Still Life e al video di Fischli & Weiss Der Lauf der Dinge, esplora il tema della natura morta e il ruolo degli oggetti nel mondo contemporaneo. Il motivo della natura morta in arte aveva come scopo la resa naturalistica di oggetti d’uso quotidiano e del mondo della natura, ma era anche un veicolo di significati simbolici e filosofici, di cognizioni sulla realtà della natura e dell’esperienza. Successivamente sono state ascritte a questa tematica anche le merci, oggetti appartenenti alla produzione industriale in serie tipica della società dei consumi. Tra questi basti ricordare i prodotti da supermercato di Andy Warhol, motivi basati sul loro apparire, sul loro involucro, oggetti che esibiscono una certa trasparenza non rimandando mai a un significato eccedente a cui pervenire, come se la parte significante aborrisse ogni possibile significato.

La società moderna, così scrive Karl Marx nell’introduzione al “Capitale” del 1867, si presenta fenomenologicamente come una mostruosa accumulazione di oggetti e merci. Un’asserzione certamente curiosa ma allo stesso tempo profetica. Al XIX secolo è stato spesso assegnato l’appellativo di “Secolo degli oggetti”, anche se si potrebbe dire che rispetto al mondo degli oggetti mercificati della contemporaneità la proporzione è quella di una bottega di paese di fronte a uno scintillante centro commerciale.

Gli oggetti che appartengono al mondo dell’oggi non sono semplicemente oggetti. Essi mostrano quello che siamo, o vorremmo essere. Li possediamo sì, ma molto più, loro possiedono noi. Tutto può farsi oggettuale, anche le emozioni, i sentimenti, anche il corpo stesso, modellato mediante il fitness o la chirurgia estetica, può diventarlo. L’appartenenza sociale vede la propria simbolizzazione nel possesso di oggetti, l’identità individuale è messa a punto tramite immagini griffate.

Il risvolto di questo delirio oggettuale porta ad uno straniamento allarmante. “Da dove provieni, cosa sei, dove vai?” si chiede il filosofo Konrad Paul Liessmann, “L’antico interrogarsi sulle origini e il ruolo
dell’umanità ha subito un sostanziale slittamento. Ora gli oggetti, gli artefatti, i beni, le merci di ogni sorta, sono elementi rispetto a cui non abbiamo nulla da dire, non sappiamo da dove effettivamente
provengano, quale possa essere il loro uso o impiego futuro”. La sparizione delle cose innescata dai processi di digitalizzazione e virtualizzazione rafforza ulteriormente tale sensazione di straniamento, sebbene la rivoluzione decisiva debba ancora arrivare, ed è quella chiamata “internet degli oggetti”.

Un certo accrescimento di consapevolezza rispetto alla limitatezza di risorse disponibili, così come del fenomeno di sparizione oggettuale ad opera del mondo cibernetico, rileva come il rapporto delle persone con il mondo degli oggetti sia sottoposto oggi a un decisivo cambiamento. Nella scienza, ma anche nella filosofia e nell’arte, si osserva ad esempio una nuova tendenza, quella che vede porre attenzione sul concetto di oggetto-mondo e di “material culture”.

Sin dagli albori della modernità gli oggetti sono sempre stati fortemente presenti in arte, ma soprattutto in pittura. Fino al Rinascimento, soggetti principali della storia dell’arte sono stati soprattutto racconti mitologici e biblici illustrati, rappresentazioni di regnanti o figure di potere. Poi è avvenuta la scoperta dei paesaggi prospettici, delle vedute cittadine e delle scene legate al quotidiano, genere a cui appartiene tra l’altro anche il motivo della natura morta. Inaugurando un’arte sotto il titolo programmatico di realismo, Gustave Courbet ha aperto la pittura all’ambito della realtà e all’interrogativo che verte sulla sua percezione e possibilità d’espressione.

Nel XX secolo, dopo l’avvento dell’astrattismo, si sono susseguite varie rivoluzioni artistiche che hanno riguardato in particolare il mondo degli oggetti, basti pensare a Fountain di Duchamp, ai ready-made, agli “objets trouvés” surrealisti, alla pop art e i suoi derivati, al trash e alla celebrazione del quotidiano, alla poetica dell’opera d’arte “aperta” e del work in progress. Il ready-made ha trasposto prodotti industriali in ambito artistico, la pop art sovvertito la posizione di un qualsiasi oggetto riproducibile assegnandogli una posizione estetica.

La feticizzazione, eccitazione, estraneità e perfidia degli oggetti, la loro sovrabbondanza e sparizione ad opera del processo di digitalizzazione, la loro completa sostituzione con il denaro come “cosa in sé” e la presenza di supposti ultimi veri esemplari, sono i punti di intersezione concettuale attraverso i quali si articola la mostra “Il mondo degli oggetti”. Consacrata al rapporto che intercorre tra cultura oggettuale e mondo delle arti figurative, la mostra esplora in chiave retrospettiva il valore degli oggetti e il mutamento di prospettiva avvenuto.

Artisti:
Gino Alberti, John Baldessari, Julia Bornefeld, Giovanni Castell, Fischli & Weiss, Nadia Kammerer, Erich Kofler Fuchsberg, Meghan Gordon, Michael Höllrigl, Christoph Hinterhuber, Johannes Inderst, Ivo Mahlknecht, Matthias Mahlknecht, Matic/Traubeck, Brigitte Niedermair, Sebastian Siechold, Markus Siegele, Lois Steger, Markus Vallazza, Sam Taylor Wood, Andreas Zingerle.

 

IL MONDO DEGLI OGGETTI

 

A cura di Heinrich Schwazer

Inaugurazione: 20 Settembre 2013, ore 19.00

Durata della mostra: 21 Settembre – 3 Novembre 2013

Luogo della mostra: Merano Arte – Edificio Cassa di Risparmio

Catalogo: AA.VV., Die Welt der Dinge – Il mondo degli oggetti, 2013

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Cos’è la “Camera della pioggia” nell’arte contemporanea? La magia dell’acqua che non bagna. Il video

L’annunciazione pittorica e scenica di Tiziano nella passione contemporanea di Richter – La sfocatura