Home / News / L’antica pittura cristiana dell’Etiopia
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

L’antica pittura cristiana dell’Etiopia


Fra le numerose e notevoli opere che compongono la collezione del Museo dei Beni Culturali Cappuccini di Milano compare anche questa tavola dipinta a tempera proveniente dall’Etiopia e risalente all’incirca alla seconda metà del XVII secolo. Si tratta di un pregevole esempio di quei manufatti oggi definiti “icone etiopiche”, sebbene differiscano sostanzialmente, sia per tecniche esecutive che per destinazione d’uso, dalle più note icone orientali. L’opera, giunta a noi in discrete condizioni, nonostante qualche caduta di colore, propone un soggetto iconografico chiamato in lingua gheez Kwer’ata re’esu, letteralmente traducibile come Nostro Signore percosso e che corrisponde, nella tradizione occidentale, ad un Ecce Homo, o un Cristo coronato di spine. Un dipinto europeo su tavola che riprendeva questa iconografia, nel corso del XVI secolo, si trovava in Etiopia alla corte imperiale; non sono note le esatte modalità, le circostanze e l’epoca in cui vi giunse, ma è risaputo che ebbe una destinazione piuttosto singolare: diventò il vero e proprio palladio reale, era portato in battaglia come vessillo imperiale e i nobili e l’esercito giuravano fedeltà all’imperatore su di esso.

L’icona del Museo dei Cappuccini ne rappresenta una copia fedele. Molti particolari del palladio sono qui ripresi puntualmente: Gesù è raffigurato a mezzo busto, con la corona di spine stranamente bianca, lo sguardo rivolto verso il basso, le mani aperte, la bocca socchiusa; uguale è l’abbottonatura del mantello, che in altre copie appare più elaborato; esattamente come nell’originale la barba è divisa in due punte; le gocce di sangue sono replicate con precisione, mentre differisce il nimbo, che presenta le caratteristiche tipiche del cosiddetto “primo stile di Gondar” (XVII secolo). Spiccano i tratti somatici insolitamente allungati di Gesù, particolare piuttosto raro; inoltre il manto è di colore bianco, in contrasto con l’originale verde. Le figure dei due torturatori ritratte alle spalle di Cristo recano abiti di foggia moresca con turbante: ma bisogna tener presente che l’Etiopia era una nazione cristiana circondata da stati musulmani, ed aveva a lungo subito le loro feroci scorrerie. La tavola, che era stata preparata con uno strato di gesso levigato su cui erano stati direttamente stesi i colori a tempera, rivela analogie con un’icona conservata nel Museo di Addis Abeba.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Chi è Fulvio Roiter, le radici di un genio fotografico. Le opere, la poetica

I segnali stradali nell’arte – Le opere di Francesco Garbelli reinventano le icone delle vie e le auto

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp