Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

L'ora romantica. Anonimo Veneziano. Le immagini, le due musiche d'amore: Cipriani e Alessandro Marcello

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Ascoltate le musiche – senza discorsi diretti – e guardate le immagini di questo filmato – in fondo alla pagina – spezzoni di Anonimo Veneziano (1970), film diretto da Enrico Maria Salerno, tratto dalla sceneggiatura dello scrittore Giuseppe Berto. Anche grazie alle musiche dolci, coinvolgenti, e struggenti, il film ebbe un enorme successo di pubblico, mentre fu attaccato dalla critica. Berto, lo sceneggiatore, sviluppò il tema di amore e morte, già ampiamente esplorato, nel contesto dell città lagunare, da numerosi autori, tra i quali Thomas Mann con Morte a Venezia. Indimenticabili risultano i volti di Florinda Bolkan e Tony Musante. In Italia il successo fu superiore anche a quello dell’analoga pellicola hollywoodiana Love Story.
Trama
Enrico è un oboista della Fenice di Venezia che non è riuscito a diventare un grande direttore d’orchestra come sperava. Dopo aver appreso di essere ammalato di un tumore incurabile, decide di invitare a Venezia sua moglie, da cui è separato da anni e con cui ha avuto un figlio. Lei, Valeria, acconsente nonostante il timore che la richiesta possa rivelarsi un tentativo di riconciliazione o, peggio, un ricatto nei confronti del suo nuovo compagno di vita, un uomo maturo e benestante di Ferrara con cui lei ha costruito una nuova famiglia: in Italia una legge sul divorzio, infatti, non esiste ancora.
Ma all’arrivo della donna, Enrico rinuncia a rivelarle di essere malato. I due trascorrono la giornata girovagando in una Venezia splendida ma profondamente malinconica e decadente e, alternando furiosi alterchi a teneri momenti, rivivono i bei tempi passati insieme. Lei capisce di amare ancora Enrico e quando questi le confida di essere ammalato e di avere ancora poco da vivere, Valeria gli si concede un’ultima volta, nella consapevolezza che oramai è troppo tardi per tornare indietro e cambiare il corso delle loro vite.
Alla fine del film, quando termina la giornata, i due si congedano consapevoli che non ci saranno altre occasioni per rivedersi. Mentre lei si allontana di corsa e in lacrime dalla chiesa sconsacrata trasformata in studio di registrazione, Enrico dirige con passione un’orchestra di studenti nel concerto di un “anonimo” autore di origine veneziana che diventa così colonna sonora del finale.
Ascoltando la musica facciamo attenzione. Tutta la prima parte dello spezzone – fino a un momento prima del punto in cui Tony Musante è in teatro e suona l’oboe – è musicata del maestro Stelvio Cipriani, che trova un tema romantico inserendolo in un’atmosfera che trae modernità dal barocco sentimentale. Il pezzo originale del Settecento, definito anonimo, inizia nel momento in cui le riprese avvengono , appunto, nel teatro. Si tratta del Secondo movimento (Adagio) del Concerto in Re minore per oboe, archi e basso continuo, del nobiluomo e musicista “dilettante” Alessandro Marcello, (Venezia, 1º febbraio 1673 – Venezia, 19 giugno 1747), che piacque già molto all’epoca, tanto che Johann Sebastian Bach ne fece una trascrizione per clavicembalo (BWV 974). Il barocco veneto contiene spesso pezzi che traggono origine da canti struggenti e pieni di sentimento, che è qui ben più intenso che nello stesso Vivaldi. Ritenuto un pezzo anonimo, fu poi attribuito a Benedetto Marcello, uomo di musica, cultura e politica, che morì a Brescia, durante il suo soggiorno amministrativo nella terraferma – è sepolto nella chiesa bresciana di San Giuseppe – e infine al fratello maggiore, Alessandro. Nel video, qui sotto, il Concerto per oboe finisce poco prima delle immagini dei due protagonisti su una gondola. Da lì in avanti torna invece il tema moderno di Cipriani.
DURATA DEL VIDEO: 9 MINUTI 
https://www.youtube.com/watch?v=fDW-pgJe0pA

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!