Home / La politica nell'arte / Luca Giordano – Poveri intellettuali, il filosofo vende oroscopi. Pauperismo, stoicismo e Sapere
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Luca Giordano – Poveri intellettuali, il filosofo vende oroscopi. Pauperismo, stoicismo e Sapere


Luca Giordano, Un venditore d’oroscopi (Democrito). Il filosofo è rappresentato come un popolano, volgare e di conseguenza, almeno apparentemente, poco istruito. Così nel Seicento si celebrava il rapporto tra saggezza e privazione, sapere intellettuale e rinuncia materiale

Luca Giordano, Un venditore d’oroscopi (Democrito). Il filosofo è rappresentato come un popolano, volgare e di conseguenza, almeno apparentemente, poco istruito.
Così nel Seicento si celebrava il rapporto tra saggezza e privazione, sapere intellettuale e rinuncia materiale

L’ uomo dal corpo sgraziato – i lineamenti del viso gonfi e arrossati, il pizzetto incolto e i denti irregolari, i muscoli flaccidi, le mani tozze, i tratti duramente provati dalle precarie condizioni di vita – volge lo sguardo in direzione di un punto imprecisato, esterno alla tela. E’ alla ricerca, tra l’immaginaria folla che gli sta davanti, del cliente al quale vendere un oroscopo.

E’ così che Luca Giordano (1634-1705) dipinge il filosofo Democrito nel Venditore d’oroscopi (1657-58) della Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia. L’erudito, che ha in mano un foglio con le dodici “case” ancora bianche e che in una sacca conserva altri fogli e quadri astronomici, era conosciuto pure come astrologo, oltre che mago e chiromante. Non possiamo poi dimenticare che, per un errore, si attribuì al greco anche la stesura di un importante testo di alchimia. Da qui la scelta iconografica che permette all’artista di abbassare il livello sociale del protagonista, rendendolo simile a un venditore di strada. Su questo piano si gioca tutta l’ambiguità del pensiero barocco sotteso all’opera. Il filosofo non deve mirare alla ricchezza, ma le sue speculazioni intellettuali lo portano in fondo alla scala sociale. Chi guarda il quadro non può che domandarsi quale sia la scelta giusta: quella di un povertà ricca di riflessione o di un’agiatezza che contempera le tempeste del destino, giocando tutto sul “qui e adesso”? E poi, è vero che il pensiero è in grado di trasformare il mondo, se i sapienti sono costretti a sopravvivere come derelitti? I saggi sono un soggetto ricorrente tra Quattrocento e Settecento. La situazione assume caratteristiche particolari nel Rinascimento – età che pone l’uomo, e quindi il suo intelletto, al centro del Tutto -, quando la trasposizione delle figure filosofiche avviene a un livello di celebrata nobiltà. Ricordiamo allora il solenne dialogo tra Aristotele e Platone raffigurato da Raffaello nelle Stanze vaticane o l’affresco Eraclito e Democrito di Donato Bramante, oggi a Brera, nel quale l’artista esterna con efficacia la dicotomia riguardante le diverse concezioni del mondo espresse dai due eruditi. Se il primo, depresso e con gli occhi lucidi, rattristato dalla superficialità del collega, si mostra legato alle certezze che gli sono offerte dai numeri, il secondo si fa portavoce, tramite un perenne sorriso sornione stampato sul volto, di una visione ottimistica e fatalistica del creato.


Nel Seicento, però, la situazione muta radicalmente. La scelta del rifiuto dei desideri e dei beni materiali, come condizione per raggiungere meglio il piano delle idee, porta la rappresentazione dei pensatori più vicina a un’immagine di indigenza ieratica e permette l’individuazione di un registro basso-grottesco, che enfatizza la povertà, trasformandola in nera miseria, come avviene in Salvator Rosa, Jusepe de Ribera e, appunto, Luca Giordano. Assistiamo cioè alla scomparsa della grandezza e del timore reverenziale suscitato da queste mitiche figure. Si preferisce analizzare il loro aspetto più fragilmente terreno e la loro esposizione alla crudezza della sorte, che dimostra di umiliare così ogni alta speculazione intellettuale. I soggetti risultano perfettamente contaminati dalla pittura nata in seguito alla diffusione del romanzo picaresco, un’arte che trae ispirazione dalla realtà quotidiana, dal popolo, dalle sue piccole gioie e grandi miserie. E’ in questa chiave che dobbiamo leggere la decisione di Giordano di dipingere un uomo di cultura con le sembianze di un derelitto che campa cercando di vendere scampoli di carta proiettati verso il futuro.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Omar Ortìz, questi splendidi corpi nudi che escono dalla tela. La galleria delle opere

Le sculture d’acqua. Goccioline “computerizzate” creano figure in movimento. Il video