Home / News / Mauro Di Silvestre –
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Mauro Di Silvestre –

 

Ci sono artisti che vedi crescere come uomini e come autori. Il giudizio e il rapporto con essi non può essere freddamente professionale. C’è dentro lo scorrere della loro vita ma anche della tua. E allora tutto cambia e si apre un bivio. O ti lasci sopraffare dall’affetto e perdi l’obiettività, come capita a volte con i figli. Oppure porti a valore il capitale dei ricordi e delle memorie, e allora l’obiettività si ispessisce e diventa solo più calda, più partecipe ma non meno fedele. Insomma, coloro che hai visto crescere puoi conoscerli meglio se non ti fanno velo le emozioni biografiche ed autobiografiche. Ciò vale per il giudizio sulle persone e per quello sulla loro opera. Specie se si tratta dell’opera di un artista. Credo che fra me ed il lavoro di Mauro Di Silvestre, fra me e lui la storia sia un po’ questa e che il giudizio, sincronico, su di lui sia frutto di una diacronia di sentimenti, di esperienze e amicizie comuni che hanno attraversato almeno quindici anni di storia personale e pubblica nell’ambiente romano dell’arte. Di Mauro, quello che ho sempre apprezzato, prima ancora che fosse evidente il suo valore di artista, è la voglia di capire e di fare.

La determinazione e la delicatezza dei modi. La curiosità e la naturale attitudine a considerarsi ed essere cittadino del mondo. Andare a lavorare giovanissimo negli Stati Uniti non è una cosa che fanno tutti, lui lo ha fatto. E’ per questo che egli appare a suo agio in ogni luogo e in ogni circostanza ed esibisce un suo stile per così dire internazionale, disinvolto e meticcio. Insisto su tali aspetti della formazione e del carattere non solo per assecondare uno stile narrativo che ho scelto come tratto connotante dei miei ritratti e che intende fare attenzione a non separare l’opera dalla vita, applicando un criterio anti-purovisibilista che avrebbe suscitato le ire di Roberto Longhi, ma anche per un’altra ragione. La ragione è quella di contenere al minimo i rischi di una lettura del lavoro di Di Silvestre riduttiva e influenzata solo dal suo apparire espressione di una personale letteratura visiva fatta di ricordi familiari e infantili, una scia proustiana di odori e immagini sfocate capace di riaccendere le atmosfere di una vita vissuta da ragazzino dentro le stanze, nei cortili e lungo le strade delle periferie romane degli anni Settanta. Il rischio di amplificare la portata di un intimismo tutto autobiografico, di un’estetica dei sentimenti domestici che intende affermarsi a gomitate nel tempo della “tecnica al servizio del mercato”, fino a farne il carattere prevalente o, peggio, esclusivo della ricerca pittorica di Mauro Di Silvestre è evidente. Ma non bisogna cadere nella trappola e per evitarlo aiuta, sicuramente, conoscere l’autore, la sua formazione e le sue esperienze. Serve ricordare la sua pratica di assistente di grandi maestri e il suo amore per il mestiere. Mauro è uno che i maestri li rispetta e che da loro vuole prendere non per “ri-fare” ma per “continuare a fare”, conservando della tradizione ciò che va conservato e mettendoci del suo.

Questa disponibilità all’ascolto io l’ho potuta leggere nel suo sguardo e nelle sue opere mentre le sue qualità crescevano e si consolidavano, fino a farne l’autore apprezzato e un po’ meno giovane (41 anni) che è adesso. E i suoi quadri, alla fine, parlano una lingua ben più complessa di quella balbettata da semplici “cartoline di ricordi”. Così vedi confondersi, dentro le pieghe della sua ricerca, la lezione degli interni di Spadini, di Donghi, di Trombadori, di Cipriano Efisio Oppo (giusto per rimanere nell’ambito delle prime Scuole romane), insieme alle suggestioni di un’arte americana ancora capace di reagire a stimoli che non si esauriscono nell’orizzonte sterile e compulsivo del consumo e dell’iperconsumo. Pensiamo al realismo di Hopper (che tanto ci ricorda quello dell’ultimo Ziveri) e ad Alex Katz, per esempio, al mondo infinito dei suoi personaggi. La ricchezza dei riferimenti rende complessa la trama di una investigazione che è molto più colta di quanto la semplicità apparente del modo di porsi di Mauro Di Silvestre e delle sue opere lasci supporre. E così assumono peso anche le immagini anamnestiche più sfumate e tenui che si sovrappongono a quelle più nette ed evidenti della cronaca, come a rappresentare la levità ma pure l’insistenza insopprimibile dei ricordi e dei sogni. Non c’è cosa più materiale di un sogno. Non c’è cosa più fisica di un ricordo. La fissazione di spaccare in due come una mela la realtà dividendo la materia dallo spirito, il passato dal presente, l’anima dal corpo ha prodotto un sacco di guai. Ha legittimato sia le derive più volgari di un materialismo meccanicistico e scientista che quelle, più pericolose ancora, di uno spiritualismo irrazionalista, credulone e superstizioso. Ecco, se c’è un riconoscimento di cui Mauro dovrebbe andare fiero è quello che rimarca la capacità espressa dalla sua pittura, in un’apparente e consapevole ambiguità tra presente e passato, tra fisicità degli oggetti e persistenza dei ricordi, di falsificare con l’evidenza dell’arte la banalità degli insegnamenti più meccanicamente dualistici. Manualità raffinata e lentezza artigiana si mischiano nel lavoro quotidiano di Di Silvestre, il quale “accoglie – parole di Achille Bonito Oliva – nella propria inquadratura resti di famiglia, compleanni, tende e piante di plastica, trasparenze di vestiti, auto della domenica, piatti di spaghetti, cortili di casa, cieli limpidi e travestimenti di bambini. Paesaggi di affezione composti, destrutturati e ricomposti per fondare la fertile soglia dell’immagine: scomparire per comparire nell’arte e comparire per scomparire nella vita”. Ed è aggirandosi fra tutto questo che Mauro, a volte, si imbatte nella stoffa di una tappezzeria e se ne fa pittoricamente sedurre, aprendo sorprendenti e vasti cammei astratti nella sua imagerie. Perché poi è la pittura ad essere proprietaria dei gesti del pittore, prima di ogni altra cosa.

Clicca sul link per aprire il PDF e leggere il testo, con immagini comparative:

[PDF] Mauro Di Silvestre

STILE ARTE 2009

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Come Monet, per far vibrare le sue tele, inventò il linguaggio stenografico della luce

Le indiane d’America dell’Ottocento nelle fotografie. Protagoniste con orgoglio. Il video delle immagini