Home / Pittura contemporanea / De Chirico, metafisica forever
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

De Chirico, metafisica forever


di Enrico Giustacchini

Fino al 9 gennaio 2003, la Pinacoteca provinciale di Potenza ospita la mostra “Giorgio de Chirico. Opere scelte 1919-1975”. “Stile” intervista Vittorio Sgarbi, curatore dell’evento.

imagesLa mostra di Potenza – promossa dall’Amministrazione provinciale, con la collaborazione della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico – presenta, a venticinque anni dalla morte del maestro, lavori realizzati in oltre mezzo secolo di attività. Possiamo dire che l’obiettivo della rassegna – o almeno, uno degli obiettivi principali – è quello di ridare all’artista quel che gli spetta, ovvero riconoscerne la grandezza in tutte le sue stagioni?
Senza dubbio. La mostra propone opere – una settantina, tra oli su tela, sculture e disegni – scelte tra le più significative dei diversi periodi della produzione di Giorgio de Chirico. A partire dai primi lavori, ancora influenzati dalla cultura tedesca – ed in particolare, da un punto di vista pittorico, da Arnold Böcklin e Max Klinger -, fino al “periodo aureo” della Metafisica, per giungere via via alle creazioni estreme.
A proposito delle quali, che tipo di considerazioni possono essere fatte?
Potremmo dire che Giorgio de Chirico, come parte arriva. Dalla Metafisica alla Metafisica, il cerchio si chiude. Ma attenzione: se qualcuno ha creduto, o crede, ad un pittore che negli ultimi anni, ormai stanco e a corto di idee, altro non fa che riprodurre se stesso, si è sbagliato, o sbaglia, di grosso. De Chirico vecchio si esprime con straordinaria originalità. La sua è una Metafisica “reinventata”. Ai temi classici, tradizionali affianca nuovi spunti. L’evoluzione più matura conduce ad un linguaggio fortemente concettuale, ad una “pittura di idee”. Eppure in un determinato momento si era arrivati ad una sorta di “rimozione” di colui che possiamo considerare senza dubbio il maggiore artista italiano del Novecento. Certo, si riconosceva a lui il ruolo storico di protagonista della Metafisica; ma – anche dopo la condanna dei surrealisti, che lo avevano definito “un trombone” e lo avevano, in pratica, rinnegato – egli era considerato come incarnazione di un passato che andava escluso; e si era giunti di fatto ad inventarsi “due” de Chirico, quello “metafisico” e quello “post-metafisico”, estranei fra loro. Il pittore veniva così “imbalsamato”, senza accorgersi che l’ultimo de Chirico – quello battezzato , con intenzioni magari anche commerciali, “neo-metafisico” – aveva escogitato metodi modernissimi per riflettere e far riflettere sull’arte: dalla performance, al reimpiego dei vecchi simboli grafici della Metafisica, in un’esibizione iconica di uno stile diventato ormai storia.

Variano, di conseguenza – nell’ultimo periodo – anche i soggetti…
Sì, e la mostra ci fornisce diversi esempi significativi proprio di soggetti inediti dei quadri degli ultimi anni. A cominciare da quell’eroe sulla barchetta a remi che naviga nelle strette di un mare tutto racchiuso in una stanza (“Il ritorno di Ulisse). E poi, i “Bagni misteriosi”, cabine che si affacciano su piscine in cui l’acqua è sostituita dai mattoni a spiga; il “racconto” dei biscotti ferraresi (“Interno metafisico con biscotti”); l’inserto della mano del “David” di Michelangelo (“Interno metafisico con mano del David”) o di un paesaggio di D’Azeglio; lo sky-line di New York che dialoga con teste di mercurio… De Chirico ricomincia senza alcuna incertezza dal punto in cui si era fermato. Rimette in discussione il proprio repertorio, ma senza più ironia o rifacimento di se stesso: la sua è ancora “Metafisica”, e riesce a produrre, a distanza di mezzo secolo, eccezionali, poetici capolavori. Ecco, proprio in tale contesto possiamo individuare il taglio nuovo della mostra di Potenza, che si propone, come già è stato sottolineato, di “rivalutare” un periodo certo meno noto e generalmente meno apprezzato della produzione del maestro.
E sappiamo che l’artista era non poco irritato da tale situazione. Oltretutto, queste opere erano – e sono – meno apprezzate anche dal punto di vista commerciale.
Certo, si coltivò l’illusione di ripetere in questo ambito lo stesso successo, ma sul mercato tali opere valgono indubbiamente meno.
Torniamo, per così dire, alle origini. O almeno, alle prime stagioni creative dell’artista. Perché de Chirico rifiutò il Cubismo, e certa avanguardia?
Il suo fu – più in generale – il rifiuto del Grande inganno, e la riaffermazione dei valori della pittura, unico genere che ha perduto così clamorosamente la propria identità. Se tu vai – poniamo – alla Mostra del Cinema di Venezia, vedi dei film, non buchi nello schermo. Poi vai ad una mostra d’arte, e vedi scoregge in aria, o pezzi di marmo rotto. De Chirico si chiede: perché solo alla pittura deve toccare tutto questo?
Il manichino. Un’icona caratterizzante, identificativa dell’opera dechirichiana, almeno a livello popolare. L’idea venne all’artista dall’“Uomo senza volto”, personaggio del dramma “Chants de la mi mort” del fratello, Alberto Savinio. Secondo lei, ad affascinare de Chirico fu esclusivamente l’opportunità di fare di questo soggetto l’emblema dell’uomo-automa, o giocò anche il riconoscimento della vasta gamma di risorse plastiche e compositive insite nel soggetto stesso?
Credo che nelle opere dove appare il Manichino – ce n’è molte, in mostra – prevalga l’idea dell’uomo senz’anima e senza carattere. Un’idea, appunto: e il rifiuto – come avvenne, seppure in ben altra forma, con Morandi – di rappresentare l’uomo. Od ancora, l’espressione di una difficoltà, dell’inadeguatezza umana rispetto alla storia. Ricordiamo la celebre definizione di Roberto Longhi, che chiamò il manichino “dio ortopedico”, intendendolo, con una connotazione miopemente negativa, come immagine di una divinità inferiore “inaudita” e senza autenticità, ad “eternare l’uomo nella lugubre fissazione del manichino d’accademia o di sartoria”.
Per concludere: l’influsso della Metafisica sul Novecento fu davvero così decisivo?
Indubbiamente sì. Per il Surrealismo, ad esempio – nonostante la successiva, e già ricordata, abiura – fu capitale. Ma più in generale, la rivoluzione di De Chirico, del “Pictor optimus” determinò, con profonda coerenza e sicurezza, l’autonomia di un percorso di “fedeltà alla Pittura”. Una Pittura che dopo secoli tornava ad essere un evento intellettuale, capace di descrivere i meccanismi della mente. Una Pittura attenta alla classicità, ma sempre pienamente libera ed antiaccademica nella sua elaborazione.


Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talens

Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui

E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.

Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabil e Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Chi è davvero il misterioso Banksy? Dove portano le tracce della sua identità. Un video lo inchioda?

David Hockney, sintesi figurazione-pop-gay nelle amate piscine con nuotatori nudi