Home / archeologia / Nelle viscere di Milano, riaperto il Foro romano
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Nelle viscere di Milano, riaperto il Foro romano

foro 4 foro 3 foro 2 foro 1 foro romano copertina


Milano si riappropria di un pezzo importante della sua storia.
Alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana apre, infatti, al pubblico il nuovo allestimento del Foro romano dell’antica Mediolanum, col patrocinio del MiBACT, il patrocinio e il contributo della Regione Lombardia, il contributo della Fondazione Cariplo.

Il Foro sorge proprio alle fondamenta della Pinacoteca milanese, nell’area urbana attualmente compresa tra piazza Pio XI, piazza San Sepolcro e via della Zecca, che ospitava la platea forensis, la sede dei principali edifici pubblici: la Curia (luogo di riunione del Senato locale), la Basilica (in cui era amministrata la giustizia), il Capitolium (il tempio dedicato alla “Triade Capitolina”: Giove, Giunone e Minerva), le tabernae (negozi, botteghe artigiane, luoghi di ristorazione).

Il sito archeologico del Foro costituisce un importante tassello del percorso di visita della Milano Romana, valorizzato nell’ambito del progetto ‘Milano Archeologia per Expo 2015’, promosso dalla Regione Lombardia.

Come sostiene Luca Bressan, Vicario episcopale per la Cultura, la Carità, la Missione e l’Azione Sociale della Diocesi Ambrosiana, “Oggi l’inaugurazione solenne di un tratto, piccolo se volete, ma non per questo minore, della Milano romana, quella città frequentata da Costantino, da Ambrogio, da Agostino – uomo la cui inquietudine si placò solo nell’ascolto della Parola di Dio, così come gli fu mediata dal vescovo Ambrogio, si pone come un altro tassello di quelle offerte culturali che la Chiesa di Milano, tramite le proprie gloriose Istituzioni si prepara ad offrire al mondo nell’imminente scadenza dell’Expo”.

Cristina Cappellini, Assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Regione Lombardia, sottolinea che “Oggi restituiamo alla cittadinanza un bene comune di grandissimo valore storico e artistico. Il foro romano era la sede dei principali edifici pubblici, il cuore, dunque, della vita politica, economica e religiosa della Milano Romana”.
“L’alto significato simbolico di questo luogo – prosegue Cristina Cappellini – rende ancora più importante che i cittadini possano accedervi e fruirne e questo intervento di allestimento, realizzato con il contributo di Regione Lombardia, restituisce finalmente quest’area ai visitatori”.

Franco Buzzi, Prefetto della Biblioteca Ambrosiana, dichiara che “Oggi, dopo gli anni ’90, siamo in grado di scoprire gli spazi adiacenti alla chiesa, tutti facenti parte del Foro, su cui transitavano, certamente le persone più umili dell’antica Mediolanum, ma anche le massime personalità che, da ogni parte del mediterraneo, si incrociavano a Milano: – Mediolanum, vale a dire “Terra di mezzo” – . E non è difficile immaginare tra queste personalità i nomi e i passi di quanti arricchirono la fama di Milano: Ambrogio, Teodosio, Simpliciano e Agostino”.

“L’apertura al pubblico dell’area archeologica del Foro romano a Milano – ricorda Anna Maria Fedeli, della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia – conclude idealmente oltre un secolo di scoperte, ricerche e studi volti all’identificazione del monumento cardine dell’urbanistica dell’antica Mediolanum”.
“L’importanza di quest’area archeologica – continua Anna Maria Fedeli – risiede nella possibilità di accedere direttamente al luogo che rappresentava il cuore della vita religiosa, politica e amministrativa della Mediolanum romana, che sopravvive nei numerosi siti archeologici presenti in città nonostante le continue e profonde modificazioni del tessuto urbano”.

“Se il progetto realizzato nel 2009 Apriamo il Foro alla città – afferma l’architetto Gaetano Arricobene, Progettista del nuovo allestimento – ha permesso per la prima volta l’accesso al Foro Romano da parte del pubblico, facendo conoscere ai milanesi e ai turisti il ruolo di città capitale che Milano rivestiva già diciotto secoli or sono, il progetto “Forma urbis Mediolani – Il Foro romano” di ampliamento del percorso fruibile all’interno del sito archeologico e la ricollocazione, all’interno dell’area aperta al pubblico, delle lastre che in origine si trovavano in altri ambienti, per permetterne la lettura, concorrono alla valorizzazione dell’intero sito archeologico”.
“Il progetto futuro – chiude Gaetano Arricobene – di rendere accessibile al pubblico la Cripta della chiesa di Santa Maria Maddalena al Santo Sepolcro, realizzando un percorso di visita che coinvolga entrambi i siti archeologici presenti all’interno dell’area della Veneranda Biblioteca Ambrosiana, permetterà, infine, di completare questo processo di valorizzazione”.

I reperti sono venuti alla luce durante i lavori di restauro della Biblioteca Ambrosiana, tra il 1990 e il 1992, rivelando una piccola parte della piazza del Foro.
II nuovo allestimento è ora in grado di mostrare una parte della pavimentazione, costituita da ampie lastre di pietra bianca molto resistente, detta ‘di Verona’, dal luogo in cui erano situate le cave, con la quale i romani erano soliti costruire le loro piazze in nord Italia a partire dal I secolo d.C. Su alcune di esse è ancora possibile vedere i segni lasciati dalla presenza dei pesanti basamenti delle statue che venivano collocate nella piazza.
Inoltre, lungo un lato della pavimentazione si notano un piccolo canale dove scorrevano le acque piovane e i gradini che conducevano alle botteghe e alle osterie.
Il visitatore sarà accompagnato da una serie di apparati iconografici e audiovisivi.

Il Foro di Milano rappresentava la piazza principale della civitas romana, dove si svolgevano le maggiori attività civili e religiose. Il suo aspetto era quello di un ampio rettangolo che ospitava gli edifici più importanti della città, come la Curia, dove si riuniva il Senato cittadino, la Basilica, dove si amministrava la giustizia, templi per le cerimonie sacre e numerose botteghe artigiane, negozi e taverne.
Nel corso dei secoli, il fulcro di Milano si era spostato verso l’area della Cattedrale; di conseguenza, il Foro era caduto in disuso e progressivamente abbandonato. Durante il Medioevo furono costruiti molti edifici che, in molti casi, utilizzarono proprio i materiali provenienti dalla piazza forense, com’è il caso della chiesa del Santo Sepolcro.

 

APERTURA DEL FORO ROMANO
Milano, Veneranda Biblioteca Ambrosiana (piazza Pio XI, 2)
Da giovedì 30 gennaio a domenica 2 febbraio 2014
Dalle 10.30 alle 15.00.
Ingresso gratuito.

Nel periodo successivo, il Foro sarà visitabile ogni primo sabato del mese, sempre dalle ore 10.30 alle ore 16.30,
a gruppi (max 15 persone) e solo su prenotazione al tel. 02.806921; fororomano@ambrosiana.it

Dal 1° marzo, ingresso Foro romano: € 3

Per informazioni:
tel. +39.02.806921; info@ambrosiana.itfororomano@ambrosiana.it
www.ambrosiana.it

Ufficio stampa
CLP Relazioni Pubbliche
Marta Paini, tel. 02 36 755 700
marta.paini@clponline.it;

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talens

Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui

E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.

Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabil e Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Narciso Bresciani, quando la metamorfosi crea un rifugio poetico, in equilibrio tra sé e il mondo

Come funzionava la bottega di un pittore antico? Diverse figure, diverse funzioni. L’analisi dei ruoli