Home / News / Quando si usa l’articolo davanti al cognome: Caravaggio o il Caravaggio?
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Quando si usa l’articolo davanti al cognome: Caravaggio o il Caravaggio?

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

caravaggio

Caravaggio o il Caravaggio? Buonarroti o il Buonarroti? La grammatica nella storia dell’arte non è così scontata come appare. Se infatti, normalmente, l’articolo non si applica mai davanti al nome proprio, in ambito artistico – in modo più frequente rispetto ad altre discipline – esso, in tanti casi appare consigliabile e, in tanti altri tollerato. L’articolo davanti al cognome si pone, per evitare confusione, laddove un cognome o un soprannome è derivato da un toponimo molto importante come il nome di una città, di una regione o di uno stato. Facciamo un esempio: Michelangelo Merisi.


Non si dirà mai il Merisi – anche se, nel linguaggio ottocentesco l’articolo veniva spesso utilizzato per enfatizzare l’importanza del soggetto inteso come unicità irripetibile – ma Merisi. Diverso è il caso in cui si utilizzi il soprannome di origine geografica: “Caravaggio”. Se noi dovessimo intitolare una mostra ” I misteri di Caravaggio” si potrebbe ingenerare un errore di comprensione. Ci riferiamo ai misteri della basilica o della cittadina  di Caravaggio, in provincia di Bergamo? Se volessimo riferirci ai misteri del pittore,  la presenza dell’articolo non solo sarebbe corretta, ma preferibile, perchè distinguerebbe in modo inequivocabile la persona dal luogo dal quale ha preso il soprannome. “I misteri del Caravaggio” renderebbe immediatamente comprensibile, senza sottotitoli o immagini accessorie, di ciò che stiamo parlando.  I “quadri di Caravaggio” potrebbero essere tutti i dipinti conservati nelle case e nelle chiese della cittadina lombarda, mentre il quadri del Caravaggio si riferiscono esclusivamente a quelli dipinti dal maestro.



Sia esso cognome o soprannome, la grammatica fa eccezione, come dicevamo, con appellativi derivano da importanti luoghi geografici: si il Baviera, sì il Francia, sì il Pordenone, sì il Bibbiena, sì il Correggio, sì il Caravaggio. L’uso dell’articolo è infatti possibile nel caso di soprannomi, anche perchè, in buona parte d’Italia i soprannomi, di derivazione popolare, sono preceduti dal’articolo, in quanto, in buona parte derivano da nomi di mestieri o  da aggettivi sostantivati. Tollerato: il Tintoretto (il tintore), il Moretto (il moro), lo Spagnoletto (il piccolo spagnolo) , anche se la mancata necessità di una differenziazione dal nome di luogo, lo rende pleonastico, seppur con precedenti molto diffusi nella parlata popolare.

Permane il divieto di utilizzo dell’articolo davanti a nomi o cognomi che non rinviano a località, soprattutto per una questione di eleganza e di scioltezza. No “Il Tiziano” ma “Tiziano”, no “Il Buonarroti” ma “Buonarroti”, no “ll Canova”, sì “Canova”.  Nei casi di cognomi l’articolo determinativo “il” o quello indeterminativo  “un” indicano l’opera del maestro indicato, in un uso che è stato rafforzato dalle necessità sintetiche del giornalismo. “Rubato un Tiziano” significa che è stato rubato un quadro di Tiziano Vecellio, mentre “Il Tiziano rubato” significa che tutti sono a conoscenza di quale sia il quadro scomparso. Nel linguaggio ottocentesco si utilizzava l’articolo “il” o “la” davanti al cognome, come un rafforzamento dell’importanza di quel personaggio specifico, all’interno di una “gens”. “Il Canova” è assolutamente inelegante, seppur la licenza fosse giustificata dalla avvertita necessità di identificare come unico il Canova stesso.

Per i nomi propri, sappiamo bene cosa abbiamo imparato alle elementari. Carlo non “il Carlo”, Lorenzini e non “il Lorenzini”. Più tolleranza, invece, anche a causa della diffusione dell’uso – motivato da una sottolineatura e da un rafforzamento dell’essere femminile – “la Carla” o “la Lorenzini”. Meglio che dire la sindaca o la ministra Lorenzini, che sono sostantivi orribili e forzati.
Ministro o sindaco non sono, sotto il profilo concettuale, sostantivi maschili, ma assumono, anche se in italiano non esiste formalmente, una valenza neutra. Il maschio è infatti una declinazione dell’Uomo. La donna è una declinazione dell’Uomo. Un tempo, quando si usava utilizzare il sostantivo Uomo con la maiuscola, si faceva chiarezza sul suo uso neutro per indicare l’umanità e non il sesso.

Del resto è un errore etimologico pensare, come oggi è diffuso, che la parola Uomo derivi da humus (cioè terra). Esso invece deriva certamente dalla radice sacrale indoeuropea om. òmo- dal gr. ὁμο-, forma assunta in composizione dall’agg. ὁμός «uguale, simile»; lat. scient. homo- – Primo elemento di parole composte, derivate dal greco o formate modernamente, nelle quali indica uguaglianza, identità, o significa «che ha il medesimo …», «che è dello stesso …». In qualche caso indica somiglianza, con la funzione che è più propria dell’elemento omeo-. In chimica, spec. in quella organica, indica che due composti sono simili, oppure che sono omologhi e differiscono tra loro per un gruppo CH2= (per es., gli acidi ftalico e omoftalico). Si contrappone per lo più a etero- (per es., nelle coppie omogeneo/eterogeneo; omologo/eterologo; omosessuale/eterosessuale; ecc.).

Uomo significa pertanto “il mio simile”, “il mio uguale”, in una forma che dobbiamo iniziare a pensare come neutra, proprio perchè ci orienta a riconoscere e ad amare “il mio simile come me stesso”. Non è certo possibile ripristinare la maiuscola – Uomo – perché apparirebbe antipaticamente desueto e retorico. Ma possiamo iniziare a riutilizzare il sostantivo Uomo in forma neutra, distinguendolo, nelle sfumature del discorso, dalla forma uomo, che indica anche il maschio della nostra specie.
Donna deriva invece, come ben sappiamo, da domina, “signora” intesa come padrona. E pertanto importante persona di sesso femminile della specie umana. (curuz)

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talens

Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui

E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.

Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabil e Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Come funzionava la bottega di un pittore antico? Diverse figure, diverse funzioni. L’analisi dei ruoli

Ecco i demoni del peccato che apparvero a Costanza, protettrice del Caravaggio