Home / News / Sai cosa rischia un italiano che varchi qualsiasi frontiera con quadri o oggetti d’arte?
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Sai cosa rischia un italiano che varchi qualsiasi frontiera con quadri o oggetti d’arte?


La libera circolazione delle merci e dei beni, in Europa, ha forti limitazioni, per gli italiani, nel campo delle opere d’arte. Mentre è generalmente è possibile acquistare opere in altri Paesi  in cui i vincoli non sono così rigidi- il nostro Paese si segnala ancora per norme molto restrittive e la soggiacenza a una restrittiva burocrazia. Dall’Italia non può uscire nulla, senza l’autorizzazione della Soprintendenza. Non esiste quindi, in questo settore, alcuna uniformità rispetto alle altre normative continentali e il rischio è quello di presumere che le dogane siano state eliminate per ogni merce, fatto non corrispondente alla realtà. Un piccolo episodio di cronaca diventa per noi un pretesto per analizzare brevemente l’assurdità della normativa, la sua applicazione eccessivamente punitiva e l’incapacità degli inquirenti di stabilire, con rapidità, la gravità del reato effettivo. Questa nostra nota vuole  e mettere in guardia i nostri cittadini da eventuali distrazioni

DSC02036

 

Al valico del Gaggiolo, verso la Svizzera, i doganieri italiani hanno bloccato, nei giorni scorsi,  svolgendo l’operazione con Guardia di Finanza, ciò che è stato definito “un traffico di opere d’arte dirette in Svizzera”. Su furgone guidato da un ucraino sono stati trovati sette dipinti tra cui un quadro raffigurante San Sebastiano,che secondo i militari, sarebbe attribuito ad Andrea del Sarto, due stampe, una statua in bronzo e un tavolo antico in legno e ottone. L’eterogeneità del materiale farebbe pensare a pezzi d’antiquariato raccogliticci, messi insieme per cercare una casa d’aste o un mercante disponibili alla vendita, a fronte della caduta del valore delle opere d’arte in Italia. Naturalmente le opere in procinto di entrare in Ticino erano prive della necessaria autorizzazione prevista dalla Legge per l’uscita dei beni dal territorio italiano. Il conducente è stato denunciato per violazione della normativa in materia di circolazione di opere d’arte e per ricettazione. Con buone probabilità l’ accusa di ricettazione – che viene automaticamente applicata a chi compia un presunto atto di sottrazione di Beni allo Stato, anche se le opere sono proprie – cadrà durante il processo. Ma l’ucraino andrà incontro a un periodo travagliatissimo, come quello attraversato da un operaio che, nello scorso dicembre, spostandosi per lavoro dall’Italia alla Svizzera, aveva dimenticato nel baule una natura morta di fiori, ricevuta in dono dal proprio datore di lavoro, come riconoscenza per i trent’anni trascorsi in azienda. Il quadro era evidentemente contemporaneo. Il pittore che l’ha dipinto è ancora vivente. E l’opera è stata prodotta in Ungheria. Nonostante questi elementi palesi, l’uomo era stato denunciato per ricettazione, poichè portava in un altro Paese un’opera potenzialmente appartenente ai Beni culturali italiani, per quanto non notificata, cioè non trasformata, da un atto della Soprintendenza in un Bene culturale  tout court sottoposto a vincolo e inalienabile all’estero. Il caso fu lanciato dalla stampa con la solita, assurda amplificazione giustizialista. Si parlò addirittura di “caso internazionale”.


Leggiamo cosa sta scritto sul sito della Soprintendenza romana: “Il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio stabilisce il divieto di uscita definitiva dal territorio nazionale di tutti i beni vincolati di proprietà privata e pubblica, prescrivendo la necessità di autorizzazione ministeriale preventiva per quelli di proprietà privata nei quali sia presumibile l’esistenza di un interesse culturale la cui effettività non sia stata però ancora verificata (art. 65 e ss.). Di tutti i beni culturali sottratti o meno all’uscita definitiva può essere richiesta l’uscita temporanea, per gli scopi stabiliti dalla normativa vigente in materia, con l’obbligo da parte del proprietario di munirsi dell’attestato di circolazione temporanea. L’ufficio preposto al controllo e al rilascio di autorizzazioni di esportazione o di importazione per beni culturali del territorio laziale è l’Ufficio Esportazione di oggetti d’arte e d’antichità di Roma. L’Ufficio Esportazione rilascia, su domanda degli interessati, le seguenti certificazioni:

Autorizzazione all’uscita definitiva di beni culturali dal territorio nazionale
Licenza di esportazione o spedizione temporanea
Attestato di libera circolazione
Certificato di importazione/Spedizione temporanea
Licenza di esportazione di beni culturali dal territorio dell’Unione Europea”.

In sostanza la legge, come abbiamo visto per il recente caso del  quadro di fiori, prevede in ogni caso, che chi si sposta al di là dei confini con un’opera d’arte di qualsiasi natura, la debba sottoporre preventivamente alla Soprintendenza. Questo vale anche per quadri o altri oggetti spediti per posta o attraverso corriere. La legge demanda alle Soprintendenze la possibilità di rilasciare un permesso di circolazione temporanea – ad esempio, per la partecipazione a una mostra in un Paese straniero o dell’Unione, con l’obbligatorio rientro dell’opera – o di circolare liberamente, nel caso in cui i tecnici non ravvisassero, nel dipinto o nell’oggetto un vero Bene culturale.  La “presumibile esistenza di un interesse culturale” – o il suo contrario – non può cioè essere stabilita dal proprietario, ma dagli uffici delle Soprintendenze. Analogo è il rischio che viene corso da un cittadino straniero che acquisti un’opera, anche recente, in Italia, senza il consono certificato”.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Sylvette, la modella di Picasso, racconta: “Così mi ha cambiato la vita”. Il video

Silvia Bigi, quella sottile linea di confine che corre tra me e te. Corpi, amore, terra, nazioni