Home / I bambini nell'arte / San Cristoforo, il gigante gentile che trasporta il Bambino
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

San Cristoforo, il gigante gentile che trasporta il Bambino

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

 Joachim Patinier, San Cristoforo,1515

Joachim Patinier, San Cristoforo,1515

L’immagine di san Cristoforo offriva ai viandanti, secondo le credenze medievali, una celeste protezione nel viaggio o negli spostamenti quotidiani. Numerose chiese o santuari, specie nell’arco alpino e nelle prealpi, sono dominate, nella facciata esterna da dipinti del santo che assumono dimensioni ragguardevoli, fino a coprire ampie estensioni di intonaco. San Cristoforo -come suggerisce il nome in latino Christum fero, porto Cristo – reca sulle spalle Gesù bambino,  facendogli attraversare un fiume. L’immagine di Cristoforo oltre a proteggere i viandanti poteva fungere da insegna per piccoli ospedali o ricoveri – xenodochi –  nei quali i viaggiatori potevano trovare rifugio, com’era tradizione inveterata sin dal tempo dei romani, che avevano ottimizzato i collegamenti, attraverso reti di servizio stradale che consentivano il cambio dei cavalli o il ristoro dei passeggeri. Non è da escludere che una parte delle chiese che recano l’immagine di Cristoforo- che più frequentemente occupano zone non centrali dell’abitato – costituiscano un elemento di continuità storica con i luoghi d’accoglienza della romanità.

La nuova epoca offrì comunque al viandante la certezza della protezione del santo, che era al tempo stesso una promessa di protezione fisica -San Cristoforo è sempre un gigante nerboruto – e spirituale – il piccolo Gesù sulle spalle – , una coppia che fornisce ogni garanzia per il superamento dei pericoli della strada, materiali o spirituali che sia o che, come avviene per la Pieve di Tavernole sul Mella (in Valtrompia, in provincia di Brescia) indica contemporaneamente l’accoglienza (Tabernula o Tabernula in latino indica, appunto una taverna) e la presenza di un ponte o di un guado sicuro per l’attraversamento del vicino fiume.

Merita senz’altro una citazione anche l’affresco che Friedrich Pacher – o la sua scuola – realizzò aValdaora di Sopra – in provincia di Bolzano – sia per le ragguardevoli dimensioni (8×3,25 metri) che per la forza profusa dall’immagine di  questo gigante gentile che eleva le sue forme fino a lambire il tetto della chiesa. Il fiume attraversato da San Cristoforo, in Alto Adige, pullula di mostri temibili, grandi pesci con aculei, orche assetate di sangue.


E’ interessante rilevare il legame di questa figura a un’attività diffusa nel passato, quella di traghettatore.I fiumi, dove non c’erano ponti,  venivano attraversati con una barca, seguendo una corda tesa tra le due rive  Il trasporto dei passeggeri, nei pressi di un guado, poteva anche avvenire a piedi, portando i viaggiatori sulla schiena,.

Il culto di san Cristoforo era già attestato nel V secolo in Bitinia. Secondo l’agiografia, quest’uomo, che prima dell’incontro di conversione si chiamava Reprobo, era al servizio di un re potente. Credeva fosse il sovrano più forte del mondo e pertanto rimase deluso quando seppe che aveva paura del demonio. Chi aveva potenza superiore a quel re tanto osannato e cantato per la sua potenza? Reprobo si pose al servizio di Satana ma, il giorno in cui si  accorse che il demonio aveva paura della Croce, comprese che v’era una potenza ancor superiore, quella di Dio.  Reprobo iniziò allora a vagare alla ricerca del Signore ed avendo incontrato un eremita, che gli consigliò di mettersi al servizio degli altri, decise di sfruttare la propria forza e la propria altezza, portando viandanti e pellegrini da una parte all’altra dal fiume.

Cosmè Tura, San Cristoforo, 1484

Cosmè Tura, San Cristoforo, 1484

Un giorno un bambino gli chiese di essere portato sull’altra riva. Reprobo lo caricò sulle spaalle, ma avvertì un peso infinito. grave come il mondo. Si accorse che quel Bambino era Cristo e, da quel momento, la sua anima e il suo nome mutarono. Egli portò Cristo nel cuore e sulle spalle, assumendo il nome di Cristoforo.

 

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Così lavorava Antonio Canova. Scultore mostra in un video i vari passaggi. Eccolo

Il cammeo erotico dei Romani. Suona, mio amore. Suonano i tuoi fianchi e civettuola la cavigliera tintinna

329 Condivisioni
Condividi329
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp