Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
clicca, a destra, "Mi piace".

Scava, scava ancora. Una galleria romana – criptoportico – emerge perfetta a Volterra. Con alcune monete

Si prospettano operazioni di georadar per osservare la conformazione dell’antico anfiteatro di Volterra che, nella ore scorse – oltre ad alcune monete imperiali romane – ha offerto l’individuazione dell’accesso e l’apertura del criptoportico, la parte inferiore della struttura dedicata ai giochi circensi, ai tempi dei nostri antenati romani percorsa dal pubblico per giungere ai posti a sedere. Pur essendo restato per due millenni sotto 17 metri di terra la struttura di base appare perfetta, senza cedimenti. Nei primi giorni di settembre del 2020 gli archeologi e i collaboratori tecnici hanno prima posto in luce l’arco di accesso, poi ampliato la bocca del camminamento che era ostruito, a livello di imbocco. da materiali di colluvio, cioè terra portata dalle piogge, nei secoli. Vediamo qui un fotocollage delle novite delle ultime ore, nelle fotografie de L’anfiteatro che non c’era.
La prima immagine coglie l’archeologa Elena Sorge all’imbocco del criptoportico ancora parzialmente ostruito, prima che si calasse. Accanto, alcune monete antiche emerse dallo scavo e, a destra l’accesso alla galleria del criptoportico, dopo l’eliminazione dei materiali di colluvio

E’ certamente una grande scoperta che consentirà di portare alla luce una grande struttura e, probabilmente, diversi altri reperti, che potrebbero emergere, sempre più copiosi, proprio sul fondo dell’edificio. Lo straordinario stato di conservazione del criptoportico lascia sperare di trovare altri elementi intatti. Frattanto emergono, ancora monete.

L’archeologa Elena Sorge, che dirige lo scavo volterrano, spiega che “allo stato attuale delle conoscenze non possiamo formulare ipotesi sulle effettive dimensioni del criptoportico stesso: tali strutture venivano utilizzate negli edifici di spettacolo per far defluire il pubblico nei vari settori delle gradinate”.

Già nelle settimane scorse, dopo lavori in un terreno agricolo, s’era registrata una svolta notevole. Diceva l’archeologa Elena Sorge “Il caldo ci uccide, ma le soddisfazioni sono tante!. Oltre alle solite meravigliose canalizzazioni, stiamo scendendo verso l’arena su un lato mentre dall’altra parte stiamo scavando il primo ordine… vediamo vediamo…”. Il terreno iniziava ad offrire, in agosto, oltre alle strutture dell’anfiteatro, monete ed altri manufatti antichissimi.

Nelle fotografie del sito L’anfiteatro che non c’è: le strutture scavate e oggetti metallici che sono emersi in questi giorni, durante gli scavi

Siamo a Volterra, in Toscana, sul terreno che, in poco meno di due millenni, ha coperto un vasto anfiteatro realizzato dai romani, che sta venendo alla luce, grazie agli scavi. Emerge una struttura splendida, sopraffatta da detriti e terra, accumuli che hanno coperto copiosamente – con dilavamenti secolari del colle sovrastante – la struttura ellittica degli antichi spettacoli. Nei secoli, sulla parte superiore del terreno, furono realizzate canalette ad uso agricolo. Sotto metri e metri di terreno, stavano i resti di cui si era persa traccia e memoria. Un anfiteatro, nei quali potevano essere svolti spettacoli con animali e gare tra gladiatori. Gli archeologi lo hanno definito l’Anfiteatro che non c’era. Non va infatti confuso con il teatro romano di Volterra, realizzato tra il primo secolo prima di Cristo e l’anno 13, dalla ricca famiglia volterrana dei Caecina e scavato, a livello di recupero archeologico, dagli anni Cinquanta del Novecento. Siamo alla presenza di un altro possente edificio. La gente ha iniziato a chiamarlo il Colosseo di Volterra.

Facciamo qualche passo indietro. L’8 luglio 2015 in una piccola valle oblunga nei pressi di Porta Diana, immediatamente ad ovest del cimitero comunale di Volterra e a sud della necropoli etrusca del Portone, durante alcuni lavori di bonifica all’esterno dell’area cimiteriale sono emerse le strutture murarie. I lavori vennero bloccati e iniziarono gli accertamenti archeologici.
Non si ritenevano storicamente fondate – e, invece, lo erano – le affermazioni di alcuni studiosi rinascimentali – Raffaello Maffei, alla fine del Quattrocento, e Lodovico Falconcini, nel Cinquecento – che scrivevano dell’esistenza, a Volterra, di un anfiteatro. Nel Novecento – come accadeva e accade spesso rispetto a fonti indiziarie, che vengono contestate e non approfondite – queste indicazioni erano considerate di scarsa affidabilità. Si riteneva che gli eruditi parlassero di anfiteatro, confondendolo con il teatro. Eppure anche nell’Ottocento l’architetto che stava dirigendo i lavori per la realizzazione del cimitero, Aristodemo Solaini, scrisse al Sindaco di Volterra, spiegando che il ritardo nei lavori era causato dal ritrovamento di “una massa considerevole di terra da getto, da ritenere che un tempo in quella località vi fossero fatte delle grandiose escavazioni di pietra, dimostrandolo con alcuni pezzi di panchina scalpellati, ivi rinvenuti, nella sua maggiore profondità, cioè a metri 11,50 dal piano del nuovo piazzale antidetto”.
La ruspa del 2015 diede ragione a quelle indicazioni.

Nel mese di ottobre 2015 si procedette, grazie al finanziamento della Fondazione e della Cassa di Risparmio di Volterra, all’esecuzione di un ampio saggio di accertamento che confermò la prima ipotesi, relativa alla presenza di un importante edificio di spettacolo del quale si era completamente perduta memoria, a tre ordini, interrato a notevole profondità. L’arena, infatti dovrebbe trovarsi, nel punto di minor interro, a 6 metri circa dal piano di campagna e, nel punto di maggior interro, a 11 metri circa.

Nel maggio 2016 si concluse una seconda campagna di indagine finanziata dal Ministero che permise di acquisire dati circa le reali dimensioni del monumento, la potenza dell’interro dello stesso e le sue condizioni di conservazione. Nel corso della campagna furono aperti 4 nuovi ampi saggi che hanno consentito di ipotizzare la pianta dell’intero monumento. L’anfiteatro, a tre ordini di gradinate, è stato inserito nella vallecola che precede la celebre Porta Diana, lungo il percorso probabilmente di una antica via etrusca, poi ribadito dal Cardo della colonia romana. Notevole indubbiamente la potenza dell’interro nella sezione a valle, che può giungere sino agli 8 metri dal piano di campagna. Più ampie, rispetto a quelle ipotizzate in prima istanza, le dimensioni complessive del monumento, che parrebbero orientare verso un struttura di circa m. 82 x 64. Di particolare interesse è stata la scoperta, nell’ultimo settore scavato, di una parte delle scalinate pertinenti al secondo ordine. La campagna del 2020, oltre alle strutture, consente di recuperare i primi oggetti di quell’epoca lontana.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti.

Vuoi rimanere aggiornato su offerte, occasioni, gadget a prezzi stracciati? Moda, arte, tecnologia sono la tua passione? Segui il nostro canale Telegram. Stile arte seleziona per te i prezzi del momento. Buoni, sconti e opportunità da cogliere al volo. L'iscrizione è semplice e grautita, Clicca qui per iscriverti al canale: https://t.me/stilearte Sei poco pratico di Telegram e vuoi capire di cosa si tratta? Leggi questo nostro approfondimento -> https://www.stilearte.it/?p=279033

Colori a olio: ecco le recensioni:

MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talens

Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui

E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.

Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.