Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Sentieri fiabeschi. Gli artisti risvegliano gli spiriti della montagna, imprigionandone luci e voci

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Intitolata Pupille, la seconda edizione di Sentieri d’Arte di Cortina d’Ampezzo si ispira al ricco patrimonio di leggende e fiabe connesse alla storia delle Dolomiti. Un percorso tra installazioni molto intense e poetiche, che creano un’eco suggestiva nell’anima. La mostra è a cura di Fulvio Chimento e Carlotta Minarelli. E’ organizzata dall’Associazione Controcorrente con il patrocinio del Comune di Cortina e in collaborazione con Regole d’Ampezzo e Liceo Artistico di Cortina. Il Progetto grafico e supporto di Quiqueg agenzia creativa (Milano). Le installazioni o sculture resteranno poi nel luogo in cui sono collocate.

blank
Alessandro Ferri, Albero magico, foto di Rolando Paolo Guerzoni per Associazione Controcorrente

Il percorso di Pupille esplora la genesi della letteratura fantastica, nata per esorcizzare paure, misurarsi con l’ignoto, sovvertire schemi e formule precostituite, ricercare valori e principi che possano guidare l’essere umano nelle avventure della vita. Il titolo della mostra si collega infatti al desiderio di andare oltre ciò che è razionale e trovare significati nascosti e più profondi.
blank
Cuoghi-Corsello, Schifio braciere, 2021, foto di Rolando Paolo Guerzoni per Associazione Controcorrente

“Il termine pupille deriva dal latino pupa, “bambola”, per la piccola immagine che si vede riflessa all’interno dell’occhio. – spiegano i responsabili dell’associazione Controcorrente di Cortina d’Ampezzo – Le pupille costituiscono il medium tra mondo esteriore e interiore: riflettono e immagazzinano, come uno specchio, tutto ciò su cui il nostro sguardo si posa. Per questo, sono la chiave del nostro inconscio. In questo contesto, l’artista con il suo sguardo primigenio, limpido e indagatore, ha la capacità di scorgere ciò che sta dietro la realtà in divenire e di reinterpretarlo attraverso l’arte”.
blank
Cuoghi-Corsello, Goccia, foto di Rolando Paolo Guerzoni per Associazione controcorrente

Il luogo
Pupille si svolge lungo il sentiero di Pian de Ra Spines, un percorso panoramico che costeggia il torrente Boite, offrendo splendide vedute sui monti Cristallo e Pomagagnon. Superato il Camping Olympia, il visitatore si imbatterà nelle installazioni realizzate dagli studenti del Liceo Artistico di Cortina e, successivamente, incontrerà le opere degli artisti.
Tutte le opere sono state realizzate appositamente per essere collocate nei boschi attraversati dal sentiero, con l’intento di creare un percorso onirico in grado di coinvolgere i sensi e di interagire con la dimensione sinestetica del pubblico.
In questa ambientazione fantastica e stimolante, il visitatore di ogni età potrà ritrovare la propria dimensione legata all’infanzia.

blank
Benni-Bosetto. Reincarnazione, foto di Rolando Paolo Guerzoni per Associazione controcorrente

Gli Artisti
Benni Bosetto
MILANO, 1987
Benni Bosetto utilizza l’installazione sonora per diffondere nell’ambiente un canto a cappella, che ha la funzione di avvicinare il pubblico, e interviene anche con il disegno a matita sui tronchi di alcuni alberi disposti lungo il percorso.

blank

Cuoghi-Corsello
SERMIDE, 1965; BOLOGNA, 1964
Il duo Cuoghi Corsello propone una serie di installazioni ispirate a un sorprendente immaginario fiabesco: per osservarle il fruitore sarà spinto ad abbandonare in alcuni tratti il sentiero principale, e si troverà completamente immerso in una dimensione naturale.

Alessandro Ferri
BOLOGNA, 1975
Dado (Alessandro Ferri) dipinge con il colore oro uno degli alberi che danno forma al bosco con la finalità di coniugare la sfera fantastica del mondo delle fiabe con quella reale. L’albero abbattuto dalla neve è stato dipinto e installato in un’area adiacente a quella natia, trovando in questo modo una nuova collocazione.

Maurizio Mercuri
FABRIANO, 1965
Maurizio Mercuri si lascia ispirare da una nota leggenda legata alle Dolomiti, che illustra l’enrosadira: fenomeno apparentemente magico, che si ripete ogni giorno in coincidenza dell’alba e del tramonto, quando i raggi del sole accarezzano le cime delle Dolomiti, colorandole di rosa.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!