Press "Enter" to skip to content

Tutto su “Incisioni falliche”

Scoperto bassorilievo del Neolitico. Uomo brandisce la propria virilità tra due belve. Cosa significa?

Un'altra figura umana dà le spalle a queste tre figure. In questo caso essa - che presenta la stessa parte anatomica eretta - è raffigurata di profilo, mentre affronta un toro dalle corna possenti. Nella mano destra tiene un serpente. La mano sinistra - che pare abbia sei dita - è sollevata, in direzione dell'animale

Il trionfo del pene eretto e della performance sessuale sulla roccia calcarea dell’Egeo

Sarebbe, secondo alcuni archeologici, la più antica iscrizione sessuale evidentemente personale - compiuta cioè non a fini rituali collettivi, ma legata a una storia erotica tra due persone - del mondo. Comunque sia la figurazione mostra un certo interesse e una sue rude, essenziale eleganza e merita, qualunque ne sia la datazione e l'origine, di essere considerata come una manifestazione di espressione artistica se non primitiva, almeno primitivista.
La roccia dei falli venne individuata e studiata dall'archeologo Andreas Vlachopoulos su una roccia calcarea - pertanto piuttosto malleabile - a Astypalea - in italiano conosciuta come Stampalia - una tranquilla isola del Mar Egeo 1.300 abitanti del mare e la scoperta venne comunicata nel 2014 e ripresa da The Guardian