Tag Archivi: La violenza nell’arte

Goya, le violenze carnali sulle donne. I mostri vincitori fanno sesso davanti al marito e padre

Terribili, i disastri della guerra. Ogni valore è sovvertito. Ogni bellezza conculcata, ogni ignominia guistificata, come la violenza carnale dei vincitori sulle nemiche. Goya non può non colpire nel profondo ciò che tutti noi sentiamo. Non solo il diritto alla vita, ma la concessione amorosa del nostro corpo a chi amiamo. Ancora una volta, gli archi di un portico o di un edificio fanno da sfondo a una scena tragica. Un uomo di schiena, con le mani legate e un cappello, è costretto per guardare i soldati francesi stuprare sua moglie o sua figlia. Il corpo della donna, illuminato e rappresentato in breve, è evidenziato da Goya che sottolinea il seno e le cosce per enfatizzare l'aspetto erotico. Sullo sfondo, un altro francese sta abusando di una donna sul pavimento, che è probabilmente della stessa famiglia

Leggi Articolo »

Accoltellato il figlio di Tiziano. Tre moventi per un crimine. Investigare nel mondo dell’arte

Il 14 giugno 1559 Orazio Vecellio, figlio del sommo Tiziano, viene pugnalato a Milano dallo scultore Leone Leoni, e, gravemente ferito, riesce a stento a salvarsi dalla furia dell’assalitore. Quali le ragioni del gesto delittuoso e all’apparenza inspiegabile? Lettere, testimonianze, verbali di polizia ci consegnano una verità dalle molte facce, ogni volta diversa. Finché spunta la pista legata a quattordici dipinti misteriosi svaniti nel nulla…

Leggi Articolo »

Serial killer & artisti, l’analisi del criminologo

ARTE E PSICOSI - Il criminologo De Luca esamina le inquietanti analogie tra creativi e assassini. E prospetta un’infinità di esempi: da Dix a Grosz, da Goya a Dalí, da Pacciani ai maniaci internazionali dediti alla pittura. Fino a supporre che certi quadri inducano al delitto…

Leggi Articolo »

Gli animali di Ligabue: tigri, leoni, volpi, buoi, serpi, ragni, daini, aquile, tori e contadini

Ligabue rappresenta sia animali domestici, colti in un’atmosfera agreste, inseriti in paesaggi in cui giustappone le terre piatte della Bassa reggiana, dove visse dal 1919 alla morte nel 1965, e i castelli, le chiese, le guglie e le case con le bandiere al vento sui tetti ripidi della natia Svizzera, sia gli animali della foresta e del bosco - tigri, leoni, leopardi, gorilla, volpi, aquile - di cui conosceva molto bene l’anatomia, spesso colti nel momento in cui stanno per piombare sulla preda, con un’esasperazione di stampo espressionista, sia nella forma sia nel colore, e con un’attenzione quasi spasmodica per la reiterazione di elementi decorativi. La mostra a Genova.

Leggi Articolo »