Home / News / Valentin de Boulogne in 5 punti. Chi era il caravaggesco morto ubriaco dopo un tuffo nella fontana? Video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Valentin de Boulogne in 5 punti. Chi era il caravaggesco morto ubriaco dopo un tuffo nella fontana? Video

  1. Valentin de Boulogne (Coullommiers, 1591-Roma, 1632) fu un importante pittore caravaggista di scene di genere -prese dalla vita quotidiana – e di dipinti religiosi. Secondo alcuni, la sua famiglia – che annoverava alcuni artisti, tra i quali il padre – era di origine italiana. Valentin, che aveva una ventina d’anni meno di Caravaggio, si appassionò alla pittura italiana moderna. Gli studiosi ipotizzano che egli sia giunto a Roma tra il 1609 e il 1613. Caravaggio non c’era più, ma restavano le sue opere sconvolgenti.
  2. Certamente egli ebbe conoscenza indiretta di Caravaggio attraverso le testimonianze pittoriche e tecniche maturate con la frequentazione di Cecco del Caravaggio – prima garzone e modello del Caravaggio, poi collaboratore, infine artista autonomo – di Bartolomeo Manfredi e dello Spagnoletto. Michelangelo Merisi arriva a lui attraverso la mediazione degli allievi. Infatti, stilisticamente, egli presenta opere che rafforzano l’interesse per la pittura di genere, in situazioni spesso molto ricche di personaggi – alcuni dei quali ripresi dai disegni del maestro stesso o da Cecco del Caravaggio, realizzate con velature, utilizzando anche quell’azzurro che non appartiene alla tavolozza del pittore lombardo. I suoi ambienti sono più chiassosi, la tavolozza è più ampia, la pittura meno compatta, sotto il profilo della pennellata, rispetto al capostipite.
  3. L’artista francese, pur rimanendo folgorato dal caravaggismo, ne compie una sintesi propria, attraverso gli allievi del maestro e l’incontro con  le opere del proprio connazionale Nicolas Poussin, che rifiuta nella forma leggiadra del classicismo, ma che lo influenza con la propria gamma di colre, in particolare l’azzurro e il blu. Probabilmente ai francesi risultava meno facilmente comprensibile il motivo per il quale Caravaggio avesse dipinto la gente del popolo nelle scene religiose, eredità della riforma della pittura, soprattutto a Milano, in seguito al Concilio di Trento. Valentin de Boulogne ne colse gli elementi di colore, gli echi del romanzo picaresco, in un mondo sempre più popolato da prostitute, bari, imbroglioni, truffatori, che veniva contemporaneamente dipinto a Roma dai cosiddetti bamboccianti, di origine fiamminga.
  4. L’artista fu notevolmente considerato dai contemporanei.  Nel 1642 Giovanni Baglione scrive: “Non si deve passar con silenzio la memoria di Valentino Francese, il quale andaua imitando lo stile di Michelagnolo da Caravaggio, dal naturale ritrahendo. Faceua quest’huomo le sue pitture con buona maniera, e ben colorite a olio, e tocche con fierezza: e i colori a oglio ben’ impastava”. Anche Filippo Baldinucci nelle Notizie de’ professori del disegno ci informa che “Valentino nativo di Birè non lungi da Parigi, imitò molto il Caravaggio, al quale fu similissimo nel genio di rappresentare nelle sue tele suoni, giuochi, zingane, e simili, e nel tempo di Urbano VIII dipinse per la vaticana basilica una delle minori tavole, che fu quella del martirio de’ santi Processo e Martiniano”.
  5. Frequentatore di taverne, dipinse molto spesso scene di osteria, concerti e scene di gioco, caratterizzate da un potente naturalismo di memoria caravaggesca. Insieme ad altri artisti, quali Nicolas Poussin, Alessandro Turchi e Giovanni Lanfranco fu implicato nello scandalo legato a Fabrizio Valguarnera e come tale fu chiamato a processo. Il Valguarnera era  un medico che si era macchiato di furto ed omicidio: rubò infatti un’ingente partita di diamanti e pietre preziose con le quali commissionò o saldò nel 1631 alcuni dipinti che aveva ordinato a quegli artisti. Secondo i biografi, Valentin, reduce da una notte di eccessi nell’estate torrida di Roma, in preda ai fumi dell’alcol e del caldo, decise di buttarsi nell’acqua gelida della fontana al Babuino. Morì per una febbre terribile, in pochi giorni.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Entrate nel magico castello di proprietà di André Breton, padre del Surrealismo. Il video

Giardini di luce. Land art e illuminazioni notturne cangianti tra opere d’arte e sculture vegetali. Video